it

Basilicata in bicicletta, come pedalare tra i Calanchi

Itinerari In Bici

Basilicata in bicicletta, come pedalare tra i Calanchi

Il viaggio sui pedali che vi consigliamo in questa occasione è cosi bello da aver meritato una menzione speciale in occasione dell’Italian Green Road Award, evento che si è svolto all’interno di Cosmobike, la fiera della bicicletta a Verona.

Stiamo parlando del “The road of dreams” in Basilicata. Un percorso tra borghi storici e calanchi che collega tre vie verdi della regione. Si pedala lungo vecchie strade provinciali poco trafficate, tra scenari in cui si alternano profumi di agrumi e le vedute dei calanchi, sculture di terra scavate dal tempo che creano un paesaggio lunare.

Si va dalla riserva dei Calanchi di Montalbano Jonico, dalle caratteristiche geologiche uniche, alla Rabatana di Tursi, primo insediamento risalente al V secolo, fino alle Gole di Candela a Rotondella, con la spettacolare risalita dell’ex lago Candela tra rocce dalle tonalità uniche e salti d’acqua.

Basilicata in bicicletta, come pedalare tra i Calanchi
Credits: https://www.basilicataturistica.it/wp-content/uploads/2018/10/orig_013695.jpg

Cosa sono i calanchi?

Things to see in Basilicata
Credits: https://www.settimanaterra.org/sites/default/files/geoeventi/Montalbano%20da%20Salva.jpg

I calanchi sono incisioni profonde separate da aguzze creste di argilla che formano un sistema di piccole valli. Si tratta di una grande area argillosa, caratterizzata da frane, scarpate e irte colline. La morfologia dei calanchi è favorita dal meteo: estati aride e inverni piovosi che portano a un dilavamento del terreno. Non ci sono alberi e le coltivazioni sono scarse. Qua e là fazzoletti di vegetazione mediterranea e di grano e qualche isolata masseria.

La zona dei calanchi, in Basilicata, è un grande trapezio tra la Val d’Agri e quella del Basento.

Calanchi Di Montalabano Jonico sulla mountain bike
Credits: https://www.dailymotion.com/video/x4jc44r

La Riserva dei Calanchi di Montalbano Jonico

Tursi borgo in Basilicata

Istituita nel 2011, la Riserva dei Calanchi è la più estesa della Basilicata e presenta peculiarità geologiche, paesaggistiche, ambientali, archeologiche e culturali uniche al mondo.

In particolare a Tursi si può salire a piedi o in bici per due ripidissimi chilometri per giungere fino alla Rabatana, nome che deriverebbe dal “Ribat”, la fortezza saracena. In questa, che è la zona più alta del paese, sorge la chiesa di Santa Maria Maggiore, di costruzione cinquecentesca, in cui si conserva un bel trittico di scuola giottesca.

Il viaggio sui pedali mostra un mondo unico: i profondi solchi dei calanchi si estendono fino ai campi coltivati, circondati da boschi della macchia mediterranea, creando paesaggi unici come il sito di Tempa Petrolla, sperone di roccia che s’innalza in un mare di argilla.

L’ambiente ospita una ricca vegetazione e molte specie animali, in particolare volatili, tanto che la Riserva è riconosciuta a livello comunitario come “Important Bird Area”.

Questo territorio è attraversato da sentieri, percorribili facilmente in bici come i “Giardini”, mulattiere che da sempre collegano il borgo antico ai terreni della Val d’Agri, snodandosi dal mare Ionio alle vette del Parco Nazionale del Pollino.

 

Basilicata itinerario cicloturistico

Il lago di Candela e le spettacolari Gole di Candela

Il lago è molto recente, dal punto di vista geologico, si è formato infatti nel febbraio del 1903 a causa di una frana che, staccandosi dal versante sinistro della valle, provocò lo sbarramento a monte, proprio dove erano presenti i due mulini detti di Candela.

Nel gennaio del 1905, una seconda frana, ancora più imponente della prima, devastò il versante destro del lago che contribuì ad allargarlo ulteriormente, conferendogli le dimensioni attuali.

Lo specchio d’acqua si trova ad ovest del centro abitato di Rotondella a circa 2,5 chilometri e vi si arriva attraverso la risalita del Fosso Candela, uno dei più affascinanti itinerari in Basilicata che si snoda a fianco di corsi d’acqua purissima, nei quali si specchiano i caratteristici colori delle rocce e delle sue gole.

Risalendo il canale di Candela dal suo sbocco, dopo un alcuni chilometri caratterizzati da un terreno dissestato e irregolare, ecco la meraviglia del lago dalle acque azzurre e limpide. E la sua vista entrerà a far parte per sempre nel vostro archivio personale dei ricordi più belli.

Basilicata percorso turistico

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter per ricevere offerte imperdibili! Sarai il primo a scoprire quali sono gli gli ultimi hotel che abbiamo selezionato.